martedì 2 giugno 2015

La verità fa anche bene lo sai

 


La mia reputazione di "mastro chef" di cibi sani e genuini e addirittura di "dietologa" a quanto pare è ancora salva. 
Forse è lui che è bipolare... Perché io, a una che si scofana 5 torte mentre finge di comprare una bici, non chiederei consigli su come cucinare le zucchine..
O forse lo sono io.. Mica, effettivamente, è tanto normale nutrirsi solo di dolci e verdure...

Disclaimer: Nessuna caratterizzazione psichiatrica e patologica al termine "bipolare", qui usato solo in senso colloquiale come "incoerente e altalenante tra due poli".

7 commenti:

  1. vorrei commentarti un post un po' più vecchio (qua perchè io per prima non vedrei un commento nei post vecchi).
    Mi ha fatto sorridere, quello in cui parlavi dell 'esperienza alla bicocca, del trasferimento e dei voti. Mi ha fatto sorridere per una serie di ragioni personali non certo perchè lo reputi stupido. Io frequnto una facoltà notoriamente competitiva in una università in italia molto rinomata. Per dire l'onda su cui si viaggia, ordinariamente vedo rifiutare dei 28 in esami che mediamente c'è chi li prova 4-5 volte. Io stessa l'ho fatto e io stessa sono nella cerchia dei libretti solo 30. Ma, c'è un grande ma. Io non so cosa studi, non so se sarai ingegnere, medico, economo, giudice o altro. Ma incontrerai sempre qualcun più bravo di te. E non di quel mezzo voto. Magri avrà mezzo voto in meno sul libretto ma saprà infilare un ago meglio di te , avrà intuizioni igliori delle tue o vedrà soluzioni a te invisibili. Perchè ? non perchè è più intelligente o perchè tu sei una stupida. Ma perchè la mente crea quando è libera di creare. Quando tu le dai corda e spago allora si mette a tirare su strutture meravigliose. Si mette a unire i tasselli di ogni esame andando al di là dell'esame e fare una cosa per me assolutamente straordinaria: la visione di insieme , quello che è il trampolino di lancio, il gap tra il 30 e lode e il professionista. >E la libertà di creare , di espandersi , di capire nel senso stretto latino di carpere ( mordere a piccoli pezzettini) è assolutamente limitata e uccisa dalle sbarre che le poniamo davanti. Quelle sbarre che conosci e che sono tue, quelle che non togli ma cerchi solo di conquistare una migliore prospettiva per vedere l'esterno. Questa è la vera differenza tra i tuoi colleghi che vedi brillare non un voto stampato che, per quanto gratificante, non può nulla dasolo.
    Datti la possibilità di volare, di prendere spunto dai tuoi colleghi ed ispirzione dai professori che hai l'occasione di avere a guida. Puoi fare cose straordinarie indipendentemente dal tuo passato o da ogni disgrazia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, assolutamente ragione.. Ma quando hai solo quello (o credi che sia così) fa male perderlo..

      Elimina
  2. Intanto c'è qualcosa di positivo, in tutto questo :)

    RispondiElimina
  3. ...vivere di dolci e verdure...
    un binomio che in psicologia manderebbe a nozze gli analisti
    essenza infantile nella consapevolezza dell'adulto
    ma non mi dilungo, che è meglio!

    RispondiElimina

Sii civile, non serve insultarmi per parlare con me.