domenica 9 novembre 2014

Fase quattrissima - aggiornamento

Una bulimica al supermercato..
Un'altra bella domenica pomeriggio tra gli scaffali e le offerte.
Premesse:
-Oggi a casa non c'è nessuno. Le ragazze tornano domani.
-Mia madre e il mio ragazzo mi hanno già telefonato. Non mi disturberà nessuno.
Linee guida:
-Cosa costa meno?
-Cosa si vomita meglio?


Aggiornamento:
 -Ho comprato davvero tutte queste cose? Qualcuna l'ho posata e ne ho prese altre, alla fine ho speso 7 euro e 34 cent per: 200 gr di cioccolato bianco alla fragola, 100 gr al latte, 100 gr ai cereali, 250 gr di cioccolatini speziati, 500 gr di cereali e 300 gr di biscotti ripieni.
-Ho mangiato tutto? No, dai, sfido chiunque a riuscirci. Ma non mi sono neanche limitata..


-Ho concluso in modo prevedibile? Già, sulle note di Caparezza - Le dimensioni del mio caos. Alla fine dell'album sono uscita dalla doccia.
-Perchè ho scritto questo post? Perchè una parte di me voleva essere fermata, non ci riusciva da sola e così ha chiesto aiuto. Mi sono detta che se qualcuno avesse scritto "non farlo", non lo avrei fatto. Viceversa, significava che era destino che io finissi ciò che avevo cominciato. Ovviamente era una scusa.. Non sto certo dando la colpa a voi! La responsabilità delle mie scelte e delle mie azioni è solo mia, e non ho il diritto di pensare che queste dipendano dalle parole altrui o addirittura dal fato.
-Ho intenzione di continuare così ancora per molto? No, tutt'altro. Ho già programmato di rimettermi in carreggiata e di comportarmi bene fino a giovedì, giorno in cui scenderò per il weekend e vedrò il mio fidanzato, che è già sbarcato.
-Restringerò e digiunerò? No, anzi. Voglio godermi ciò che mi è rimasto, nutrirmi in modo decente, equilibrato e anche goloso. Non penso che riuscirò ormai a perdere 5 chili in 4 giorni, per cui voglio solo non metterne altri 5. Il che significa eliminare le abbuffate. E se per farlo dovrò aumentare l'introito calorico e mangiare più spesso cioccolato.. allora ben venga!

Sono consapevole del fatto che i miei buoni propositi sono conseguenti proprio all'episodio bulimico, dopo il quale ci si dice sempre "No, basta, mai più!"
Ma non si sa mai.. Magari andrà davvero bene. 
Spero a voi vada anche meglio.

20 commenti:

  1. Carissima Softy,
    grazie prima di tutto per il commento che mi hai lasciato sul blog^^
    Dio come ti capisco... io ricordo di aver speso tanti di quei soldi in junk food... Mi venivano sempre attacchi compulsivi al supermercato e alla fine compravo il mondo.. Orribile.. :( :( Ora mi capita raramente, e riesco a controllarmi quando vado a fare la spesa. Ma non è stato facile! Ti mando un abbraccio, continuo a seguire il tuo blog, forza che ce la farai a risalire ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio l'abbraccio e l'augurio :)

      Elimina
  2. Per me il momento decisivo è al supermercato. Se quelle cose le compro, allora non c'è verso, forza di volontà che tenga; se le ho le mangerò. Mi sento addirittura sollevata dal mangiarle! Così non ce le ho più in giro, e GLI ALTRI GIORNI posso mangiare sano.
    In ogni caso, oggi è andata come è andata. Raccogli i tuoi buoni propositi e dai le redini a quella parte di te che desiderava essere fermata.
    Questo:
    "Voglio godermi ciò che mi è rimasto, nutrirmi in modo decente, equilibrato e anche goloso. Non penso che riuscirò ormai a perdere 5 chili in 4 giorni, per cui voglio solo non metterne altri 5. Il che significa eliminare le abbuffate. E se per farlo dovrò aumentare l'introito calorico e mangiare più spesso cioccolato.. allora ben venga!"
    ...mi sembra un proposito MERAVIGLIOSO, estremamente saggio.
    Ce la puoi fare, FORZA! Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mi sento addirittura sollevata dal mangiarle! Così non ce le ho più in giro, e GLI ALTRI GIORNI posso mangiare sano."
      Oddio mi capita sempre di pensarlo. E' ciò che spesso fa degenerare uno sgarro in un'abbuffata.. Perchè piuttosto che mangiare cioccolato tutti i giorni, che è proibito, meglio mangiarlo tutto oggi e poi solo verdure per una settimana!
      Peccato che poi il giorno dopo lo ricompro ^^"

      Elimina
    2. Ahimé, come ti capisco!

      Elimina
  3. il più delle volte odio andare al supermercato.. mi vengono i sudori freddi e una morsa allo stomaco indescrivibile. La salivazione aumenta e vengo invasa da una miriade di pensieri, mi sento sopraffatta, mi manca il respiro, sono confusa..
    quando fallisco alla fine compro solo schifezze e mi abbuffo fino a stare veramente male..
    oh.. quanto capisco questa tua domenica!!
    spero davvero che tu riesca nei buoni propositi che hai scritto per settimana.
    ti seguo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata, se trovo il link del tuo blog ti seguo anche io!
      Buona settimana ;)

      Elimina
  4. "sfido chiunque a riuscirci"?!?!??!?! hahahahahahaha ma stai scherzando spero!! io nelle mie abbuffate divoro almeno il triplo di roba!!! ma anche il quadruplo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro/a? 650 gr di cioccolato + 300 di biscotti + 500 di cereali fa poco meno di 1 kg e mezzo.. 4 volte tanto equivale a 6 kg di roba ^^"
      A me già sembrava assai essermi fatta fuori metà della roba :P

      Elimina
  5. Sfidi chiunque?!sfida totalmente persa in partenza,anche io come il tipo qua sopra,ho fatto di peggio. :)
    Io quando abitavo con le mie coinquiline stavo meglio.. nel senso che avere sempre qualcuno vicino con cui condividere la quotidianità mi era di aiuto. Cerca di sfruttare il fatto che sei con loro, anche se questi momenti di "buco" o "vuoto",definiscili come vuoi,sono molto difficili da gestire,ti capisco bene.
    D'altronde sei in una città nuova,nuova vita,nuovo tutto,datti tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perchè l'avete presa sul personale? Mica era una "sfida", era un modo di dire.. O.o
      Anche io ho avuto abbuffate peggiori, anche più volte nella stessa giornata. Ma non credo sia una gara, anche perchè il vincitore in realtà sarebbe quello che sta peggio :/

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Infatti non te lo sto dicendo a mo di sfida,non ci tengo proprio,non sono cosi "messa male" x fortuna.Volevo farti capire che ci sono abbuffate molto peggiori dicendolo CON IRONIA, perchè, come è scritto nel post,ti sembrava impossibile (sfido chiunque io l'ho interpretato come "è improbabile") finire quella roba. Anche se adesso mi hai appena detto il contrario. Spero di aver chiarito;)

      Elimina
    4. Mi dispiace ma dei miglioramenti ci sono stati, devi solo riprovarci, sempre. Ci saranno milioni di ricadute, è così per tutte, ma non mollare. Rincomincia dalla fase 1.

      Elimina
  6. Volevi qualcuno che ti fermasse.
    Devi essere te quel qualcuno. Perchè oggi potremmo essere noi, ma se domani nessuna è disponibile per fermarti cosa fai?
    La vera sfida è riuscire a non iniziare in partenza l'uscita per abbuffamento, e non il non mangiare schifezze. Io da quando ho capito il problema, ci credi che non ho più speso un centesimo in schifezze? Al supermercato, già di per se odio entrarci, faccio la lista e la seguo, dandomi un tempo massimo di 30 minuti evitando le corsie "peccaminose". Ora, se non entro che ho una fame tremenda, riesco a girare anche tra scaffali pieni di cioccolato e biscotti senza allungare la mando dicendo "una volta che sarà mai".
    Piano pianino ce la farai, ma inizia dal principio. Cerca di ascoltare la tua fame, fatti un paio di spuntini sani, se hai fame aumenta le dosi a pranzo e cena, e se senti il bisogno di uscire per comprare schifezze... pensaci, ripensaci, e pensaci ancora. Al bagno, a caparezza e a tutto quello che ne consegue.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ciao softy.
    E' difficile dare consigli per me. Dato che non ci sono mai passata non so quale sia la cosa migliore da dire/fare per uscire da questo tunnel.
    Tutto è sempre più complicato quando bisogna dare un consiglio da esterni, da ignari.
    Quando vado al supermercato nemmeno ci passo per quel reparto. Se ci passo non mi fa né caldo e né freddo.
    Però una cosa posso dirtela: prova a non passare per quel reparto, prova a ignorarlo.
    (Mi ricorda il film "I love shopping" quando la protagonista, alla fine, riesce ad ignorare il canto delle sirene dei negozi di marche firmate).
    So che è difficile, ma tu tenta e ritenta. Dopo un po' potresti anche riuscirci.
    Noi persone siamo davvero brave a cambiare le nostre abitudini in modo drastico, è una dote che abbiamo tutti. Sappiamo adattarci sempre ai cambiamenti.
    Prima mangiavi tanto, poi mangiavi meno, poi mangiavi troppo e subentrava "caparezza".
    Questo dimostra anche anche tu puoi riuscire a cambiare le tue abitudini.
    L'hai già fatto in passato e puoi rifarlo.
    Forza, ti sono vicina. :*

    RispondiElimina
  8. Ciao Softy!
    Mi dispiace per l'abbuffata, però questo post tutto sommato trasmette positività. "Restringerò e digiunerò? No, anzi. Voglio godermi ciò che mi è rimasto, nutrirmi in modo decente, equilibrato e anche goloso"
    Questa frase è bellissima, perchè è una consapevolezza che tutte qui abbiamo, ma dal pensarlo a decidere di farlo ci sta in mezzo il mare. Supera le tue paure, puoi farcela.
    Il supermercato è insieme il mio amore e il mio odio. Io amo cucinare, e quando si tratta di fare la spesa per quello allora tutto ok, ma appena devo prendere qualcosa per me è il delirio. Secoli per controllare le calorie di tutti i prodotti che anche solo mi tentano; metto qualcosa nel cestino e poi lo rimetto subito a posto, e alla fine esco con una bottiglia di coca-cola light o zero.
    Un bacio
    P.s. condivido in pieno Curvula, anche io penso sempre 'questo lo mangio oggi, così domani mangio sano e perdo peso senza tentazioni'

    RispondiElimina
  9. come ti capisco, quante volte ho fatto così al supermercato............

    RispondiElimina
  10. Le compra anche mia madre... </3

    Z.

    RispondiElimina

Sii civile, non serve insultarmi per parlare con me.