lunedì 21 aprile 2014

odio

Chili di cioccolato, fondente, kinder, al latte, ai cereali.
Migliaia di calorie. O
re di sport, e poi ancora cioccolato.
Disperazione. Poi ancora cioccolato.
Buoni propositi, intenzioni autodistruttive, promesse, minacce, parole al vento.
Incomprensioni, litigi, lacrime, parole al vento.
Non ce la faccio più.
Mi odio, mi odio a morte.
Odio la pasqua, odio il cibo, odio i parenti, odio le feste, odio gli amici, odio l'amore, odio la psicologia, odio me stessa.
Mi odio così tanto che se non mi ammazzo è solo perchè godo nel continuare a soffrire.

17 commenti:

  1. Ti sono vicina. Odio. Esattamente quello che sento anche io. Al contrario tuo non posso neanche trarre soddisfazione dal soffrire, ho i miei incollati in casa e non c'è maniera di vomitare. Come te il pensiero del cibo ingerito mi rende irritabile. Mi è insopportabile.
    Posso solo condividere i tuoi pensieri e domani, finalmente, potremo dire che : anche questa Pasqua, ce la siamo levati dalle palle !

    RispondiElimina
  2. Tutte le cose che odi..le odio anche io. Dimenticavo.

    RispondiElimina
  3. Softy... :( mi si stringe il cuore nel leggere post così.
    Io ho sempre odiato i pranzi di famiglia (non per il cibo ma perché odio la gente e mi annoiavo e/o litigavo sempre con qualcuno)... "Fortunatamente" quando i miei si sono lasciati tutta la famiglia si è disgretata : non ho più avuto alcun contatto con i miei parenti e ho scampato giornate come la tua quando è subentrata la malattia.
    La cioccolata l'hanno regalata a te? Guarda, io fin da piccola davo tutte le uova (tranne quello Kinder che mi dava mia nonna) a mia madre in cambio di soldi e lei li regalava a qualche altra bambina xD poi hanno capito ed hanno iniziato a darmi soldi direttamente ahahah la prossima volta dì che non le vuoi, così eviterai che ti facciano del male regalandoti ciò che per te è un'arma di distruzione.

    Io non credo che tu odi davvero tutto ciò.
    La colpa non è della Pasqua o della cioccolata : è la malattia che genera queste sitazioni, è la causa di tutto ed è contro di essa che devi accanirti.

    Anche io odiavo il fatto di avere cioccolata in casa una volta, mentre ora ci sono ll'uovo di mia mamma, quello di mio fratello, un sacchetto di ovetti, una scatola di dolcetti, 3 pinze triestine... E non mi fa né caldo né freddo. Non vivo più questi cibi come una minaccia, non mi generano ansia o frustrazione. Ciò dimostra che il povero cioccolato non ha colpe. Spero che il prossimo anno anche tu possa essere indifferente sotto questo punto, capace di mangiarne un po' senza sensi di colpa e senza esagerare.

    Odi gli amici e odi l'amore? Questo non lo capisco... Perché mai dovresti odiare persone che hai scelto di avere nella tua vita? È ben diverso dalla questione dei parenti...

    E la psicologia?! Che motivo hai per odiarla? È uno strumento che può aiutarti, altroché!

    Dai Softy... Tirati su, raccogli tutta la tua rabbia e il tuo odio e scaglialo contro il DCA.
    Tu non vuoi soffrire : se così fosse godresti di situazioni come queste, mentre di fatto ti disperi. Evidentemente non ti fa molto piacere "vivere" così.
    In fondo tu vuoi vivere e cazzo Softy, DEVI VIVERE!

    La Pasqua simboleggia la rinascita... Inizia da oggi, raccogli i cocci e ricostruisci la tua esistenza.
    Non mollare, distruggi la bestia!

    RispondiElimina
  4. Benvenuta nel club.. Hai scordato la colomba -_-"
    Direi vaffanculo pasqua !!! Che festa del cazzo!!dimmi tu che centra il cioccolato con la resurrezione di Gesu`! Bisogna sempre rovinare il significato delle feste cristiane con qualche merdata ! Poi in casa mia lo mangio solo io il cioccolato quindi perche` comprare 4 uova ? -_-" odio immenso !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho scordata, a me la colomba e il panettone non piacciono, odio i canditi. Per me un dolce non è un dolce se non ha il sapore di cioccolato.
      E a casa mia della religione non importa niente a nessuno, ogni scusa è buona per organizzare mega abbuffate e per spingere anche me ad abbuffarmi.. Non ci riescono con il cibo normale, tipo la pasta, il pane, la carne, ecc, perchè non mi fa nè caldo nè freddo, anzi mi fa anche abbastanza schifo (a natale mentre tutti mangiavano antipasti primi e secondi a tempesta io sgranocchiavo broccolo crudo) e allora mi portano kg di dolci e cioccolata, così io mangio e loro sono contenti.
      Poi mia madre mi vede fino all'1 del mattino sulla cyclette davanti alla tv e si siede semplicemente sul divano commentando il programma che sto guardando.
      Dimmi tu se ha senso.
      4 uova solo per te? Io sono arrivata solo a 3, più quelle di mio fratello..

      Elimina
    2. Forse tua madre non sa cosa fare, non credo tu ti renda conto quanto sia difficile per gli altri stare a contatto con persone malate....la maggior parte non sanno proprio che fare. Non credo affatto che se ne freghi, tutt'altro....senti ma perché non riprendi in mano la dieta che ti era stata fatta? Ti era tornato il ciclo, stavi meglio....rinizia da lì. È come se mano a mano avessi mollato tutto e fossi tornata ancora peggio di prima. Rileggi il tuo primo post....c'erano scritte cose che forse ora non ricordi più ma potrebbero aiutarti.

      Elimina
    3. Quella dieta non sono mai riuscita a seguirla.. Il ciclo mi è venuto una sola volta a ottobre mentre facevo cure ormonali..
      Per il resto potresti avere ragione, grazie..

      Elimina
    4. E di che....allora riprendila sta cura ormonale, cavolo il ciclo lo devi tornare ad avere!!!
      Se quella non riesci a farla, e credimi, ti capisco, forse è anche perchè non sei seguita abbastanza da vicino, supportata...non esiste un posto dove tu potresti fare alcuni pasti, un centro per la cura dei disturbi alimentari?
      Oppure almeno cerca di capire perché non riesci a seguirla, parlane con la psicologa...fattela modificare. Io credo tu debba essere seguita più seriamente, più costantemente e soprattutto più ravvicinatamente.

      Elimina
  5. Ciao... Sai, a me la cioccolata non piace! Mangio solo quella bianca, quella nera mi fa schifo... Ma sono grassa lo stesso. O meglio, mi abbuffo lo stesso. Tu di cioccolata, io di cose salate. Piene di olio, grasso, schifo. E odio quelle cose. Vedi, come diceva Viellina siamo noi e il nostro dca, non è la cioccolata o il pane e la pasta, l'olio crudo pieno di sale dove inzuppo il pane io :(; non sono la piu indicata a dirti di farti forza, ma io sono molto credente e odio come te tutte le merdate che hanno inserito in una festa che significa tutt'altro che abbuffate e mega pranzi fritti e grassi.
    per me è la festa della rinascita, del sacrificio e della bellezza ricavata dal sacrificio.
    Lottiamo. Ricominciamo da qui. Sacrifichiamoci. Diciamo di no alle uova, al cibo unto, al bis, alla merda. Rinunciamo, e rinasciamo. Partiamo da qui, da oggi.
    ti abbraccio forte, rialzati, trova la forza, trova la voglia, trova la ragione. Di semplicemente NO. Un no che serve a salvarti.

    RispondiElimina
  6. ciao...ti seguo da poco ma
    io credo che tu non odi tutto questo.
    credo al massimo che tu ti senta travolta perchè non sai gestirlo
    perchè fino ad ora hai conosciuto solo odio verso queste cose altrimenti bellissime.

    RispondiElimina
  7. Tesoro non mollare, andrà meglio, dovrà girare anche per noi questa ruota e arriverà qualcosa di belllo :*

    RispondiElimina
  8. Anche io mi odio, ma a differenza tua non vorrei continuare a vivere per il piacere di soffrire.. la farei subito finita, se tutti non provassero a impedirmelo.. Noi dobbiamo essere più forti, queste parole al vento facciamole diventare verità, ormai la pasqua è finita e le feste sono lontane; lasciamoci alle spalle quello che ci ha fatto soffrire e prepariamoci a stravolgere tutti con ricordi positivi, se la tua famiglia ti intralcia è solo perché ti vuole bene, e so quanto è fastidioso.. ma loro non capiscono , non capiranno mai. Io ti sto vicina, anche da lontano.. un bacio :*

    RispondiElimina
  9. Anche io odio le feste quando comportano abnormi quantità di cibo alle quali non si riesce in alcun modo a dire di no. Non ci si può sottrarre alla seduzione del cibo. A me il cioccolato stufa in fretta, in compenso ci sono cose - soprattutto salate - che potrei mangiare allo sfinimento, senza stancarmi mai.
    Però non buttarti giù. Certo, non sono la persona più adatta per dirlo (soprattutto dopo aver passato la serata a meditare sull'inutilità della mia vita) ma ti stringo comunque forte. Non mollare.

    RispondiElimina
  10. A mali estremi estremi rimedi, fingi di mangiare il cioccolato e invece buttalo, io lo sto facendo, butto un pezzetto diq ualche dolce ( innumerevoli dolci che invadono la mia casa) ogni mattina... Magari il gesto ti fa sentire meglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fingere di mangiae il cioccolato e invece buttarlo? Orrore! Io lo cerco disperatamente anche in case altrui come un drogato in crisi d'

      Elimina

Sii civile, non serve insultarmi per parlare con me.