martedì 25 febbraio 2014

Una carezza all'autostima

Ciao bellissime! Torno ogni tanto a raccontarvi qualche novità!
Dopo l'ultimo post, rileggendolo ho pensato "ma perchè?" Mi sono chiesta perchè faccio sempre così. Nascondo sempre la testa sotto la sabbia prima ancora che arrivi la tempesta, e mi dico "tanto non ce la faccio, è inutile" prima ancora di provare. Invece ho deciso che quell'esame che avevo già abbandonato avrei provato a darlo. Così ho fatto una full immersion totale di tre giorni, senza quasi respirare per non sprecare tempo. Per fortuna comunque l'esame è stato spostato, a oggi. Così ho continuato il mio studio matto e disperatissimo e, non so come ho fatto, ho imparato tutto. Ma proprio bene, sapevo tutto, ero sicurissima e abbastanza tranquilla quando oggi sono andata all'università. Ho preso 30 e lode, l'unica a prendere più di 27-28. La professoressa era contentissima, ha voluto firmarmi personalmente il libretto, mi ha chiesto il cognome mentre me ne andavo per appuntarselo e mi ha detto di andare al suo ricevimento la settimana prossima per parlare della tesi, vuole che io la faccia con lei. Quando sono uscita tutti mi hanno fatto i complimenti, una ragazza di cui non sapevo neanche il nome ma con cui avevo solo scambiato 4 chiacchiere durante gli altri esami mi ha addirittura abbracciata forte. Ero felicissima. Non tanto per il voto in sè, sarei stata contenta anche se avessi preso di meno. Ero felice perchè ce l'avevo fatta. Mi ero messa di impegno ed ero riuscita a raggiungere un obiettivo, seppur minimo. Mi mancano ancora 5 materie e non so se riuscirò a laurearmi entro la fine dell'anno, ma non importa. Sono riuscita a fare qualcosa per cui avevo già buttato la spugna. Mi sono dimostrata che ce la posso fare, se voglio. Se ci si impegna a fondo, tutto è possibile. Lo scrivo non per vantarmi, ma per fornirvi uno stimolo, per darvi coraggio. Non abbandonate i vostri sogni, non pensate che tanto è tardi, che tanto non ce la farete, che tanto non ne vale la pena. Non buttatevi giù prima ancora di cominciare. Siete capaci di fare qualunque cosa, vi serve solo crederlo!

Per quanto riguarda il fronte cibo, il consiglio è ancora lo stesso. Potete essere normali, potete mangiare di più, potete uscire dal tunnel, basta volerlo. Ho fatto giorni anche da 1700 calorie, senza contare le cose masticate e sputate, e ho sempre mantenuto il peso. Nell'ultima settimana, dopo quel 52,0 mi sono pesata altre 3 volte. Ho rilevato un 51,6 un 52,1 e oggi (ieri ero troppo nervosa per quest'esame, ho mangiato troppo a pranzo e masticato e sputato troppo cibo di pomeriggio e di sera avevo mal di pancia e non ho mangiato) 51,3. Mi sono trovata sgonfia, e ho messo dei jeans stretti che non avevo più il coraggio di mettere da mesi. Beh non mi stavano stretti. La giornata è cominciata benissimo ed è continuata meglio. Ora vedremo come finirà xD Stasera vado al cinema con un'amica. Mi pesa molto non andare in palestra, dato che non ci sono andata neanche ieri, ma dato che ieri sera non ho mangiato e probabilmente non mangerò anche stasera, cerco di non angosciarmi troppo.

Non sto dicendo che sia tutto rose e fiori, che la vita è fantastica e sono felice di tutto, eh. In questa settimana ci sarà un motivo se mi sono pesata ben 4 volte. Ci sono stati momenti davvero brutti, in cui mi guardavo allo specchio e scoppiavo a piangere, in cui cercavo di farmi del male e se non mi sono tagliata è stato solo perchè ho una serie di fobie che mi avrebbero portata a credere di aver preso chissà quale malattia come il tetano o infezioni varie. Il mio ragazzo tornerà la settimana prossima e io vorrei con tutto il cuore che restasse lì un altro mese. Non voglio essere cattiva, è solo che non sono pronta. E' un brutto periodo, in cui sono molto confusa. E' proprio per questo che oggi sono così contenta e così positiva. Aver fatto un esame, tra l'altro andato così bene, ad alcune di voi potrà sembrare banale ma per me è tantissimo, perchè credevo di non esserne più capace, di non essere capace di fare proprio nulla. Invece mi sono accorta di essere ancora in grado di concludere qualcosa, ed è questo che mi fa piacere. Penso che tutto verrà da sè un po' alla volta. Giovedì andrò dalla psicologa e le cercherò di parlare di alcune cose recenti, come il chew&spit che ultimamente faccio sempre più spesso, e che credo sia la causa del mio gonfiore e mal di pancia costante. Dopotutto se i succhi gastrici si formano durante la masticazione, quello che avviene nello stomaco in assenza di cibo è solo immaginabile.. E anche se non mastico e sputo a stomaco vuoto, i succhi gastrici di ciò che c'era prima si uniscono a quelli nuovi, e li sento proprio fare a pugni.
Comunque oggi sono convinta che tutto sia possibile, infatti sono riuscita a pranzare normalmente, e non sento il bisogno di abbuffarmi, ho assaggiato l'impasto della torta al cioccolato che sto facendo per i miei fratelli e adesso porto fuori il cane. Camminerò un po', andrò a trovare mio padre in ospedale e poi mi preparerò per uscire.
Volevo solo (e spero di esserci riuscita) trasmettervi un po' di positività, un po' di coraggio e autoefficacia, più che autostima! (Sentirsi capaci e competenti, pensare di potercela fare, più che piacersi!)
Vi stringo forte. Un bacio a tutte!

martedì 18 febbraio 2014

Chi non muore si rivede.. ogni tanto

Ciao belle fanciulle!
Come promesso, ogni tanto mi rifaccio viva..
Vorrei portarvi buone notizie, vorrei potervi dire che ho dato delle materie, che sono serena, che sto bene, che non metto più in atto comportamenti alimentari sbagliati.. ma purtroppo non è così. Ho di nuovo smesso di studiare, o quasi. Faccio poco e niente, e ormai la sessione degli esami è passata, se ne parla a giugno... e a questo punto non credo proprio che riuscirò a laurearmi a settembre..
Anche sul fronte cibo le cose non vanno bene come pensavo.. Io ne ero davvero convinta, credevo sul serio di esserne uscita, di essere non dico tornata a riva ma almeno risalita a galla, ma adesso mi sto rendendo conto che forse non è così..
Vorrei spiegarvelo con un paio di metafore.
Quando io penso alla mia situazione mi immagino sdoppiata. C'è una me dentro una stanza che fa determinate cose, e una me fuori che la guarda dalla finestra, come se guardasse un film e cercasse di seguirne la trama. Ultimamente è come se avessi perso il filo del film, come se fossi andata in bagno o avessi parlato al telefono al momento sbagliato e mi fossi persa dei passaggi significativi..
Quelle di voi che hanno più di 20 anni dovrebbero, come me, essere cresciute coi pokemon. Se conoscete il gioco per gambe boy, ricorderete quella tiritera che vi diceva ogni volta che il vostro pokemon saliva di livello e doveva imparare una nuova mossa.
"Pikachu vorrebbe imparare Fulmine. Ma Pikachu conosce già 4 mosse, vuoi che ne dimentichi una per imparare Fulmine?" e voi dovevate scegliere quale eliminare..
Ecco, è come se i miei comportamenti alimentari funzionassero così. E' come se la me dentro la stanza avesse sostituito "pesata mattutina" con "chewing and spitting" e avesse modificato anche altre cose, ma io mi sono persa quel momento, non l'ho capito subito.. E adesso che il film continua ad andare avanti sto capendo qualcosa che era successo prima, come quando seguite un telefilm, perdete una puntata, ma da quelle successive riuscite a ricostruire ciò che vi siete perse.
Ecco, io mi sento così, e mi dispiace davvero ma non riesco a spiegarlo meglio di così..
Praticamente, per essere un po' più concrete, non mi peso più assiduamente.. Capita una volta ogni tanto, ogni 1-2 settimane.. E pensavo fosse una cosa positiva. Ho smesso di contare le calorie, di contare il cibo che mangio, di pesarlo, di scrivere i d.a., e pensavo che anche questo fosse positivo.
Adesso però dal susseguirsi delle puntate ho capito che ho solo sostituito alcuni comportamenti con altri, ma la sostanza è sempre la stessa.. Non so nemmeno dirvi quando sia successo, perchè appunto in quel momento del film ero distratta.. So solo che è da un po' che mangio quasi solo cose morbide, liquide e cremose. Latte, yoghurt, frutta, salmone affumicato, creme al cioccolato, verdure stracotte, torta di mele fatta da me.. Le cose solide le mastico e le sputo. Non lo faccio proprio apposta.. E' che mentre mangio una cosa mi dico "ok l'hai masticata, ne hai sentito il sapore, perchè dovresti ingoiarla adesso?" E' un modo per mangiare cose ipercaloriche, tipo pane e formaggio o biscotti, che mi piacciono un sacco, senza però sentirmi in colpa.
Ultimamente, e la cosa andrà avanti per molti mesi, sono sempre da sola a casa. Mio padre è stato ricoverato in una clinica per riabilitazione fisioterapica. Starà lì appunto per parecchi mesi. Mia madre la mattina va a lavorare e quando finisce va da mio padre, così torna a casa verso le 4. E io la sera vado da lui verso le 19 e quando finisco vado direttamente in palestra, così torno verso le 22. Perciò, di fatto, potrei non mangiare mai. Basterebbe sporcare un piatto e lasciarlo nel lavello e mia madre penserebbe che ho mangiato e potrei vivere solo di acqua. E invece? Invece mangio tutto il giorno. Inizio la mattina e finisco di notte, oppure proseguo no stop fino al giorno dopo. E non so nemmeno perchè io lo faccia.. Quando mi controllavano ed erano sempre a casa cercavo sempre un motivo per saltare i pasti o per mangiare pochissimo, adesso che sono libera di autogestirmi come meglio credo, mi abbuffo tutto il giorno.
Per esempio la mattina mangio una crema al cioccolato, poi mi riempio un bicchiere di latte e ci metto del cacao, poi prendo delle gallette di riso, le copro di formaggio, le mastico e le sputo. Insomma cerco di non fare questa operazione a digiuno, o i succhi gastrici danneggerebbero lo stomaco.. Ma non lo faccio apposta, cioè sono cose che ho realizzato dopo, all'inizio le facevo e basta, senza pensarci..
Ieri, dopo tipo 2 mesi, ho di nuovo vomitato. Avevo mangiato del salmone affumicato con formaggio cremoso spalmabile. Ma ne avevo mangiato davvero un sacco, qualche 400 gr. Ero poi andata in camera mia per cambiarmi, per portare fuori i cani, e automaticamente la mia testolina si è messa ad approssimare conti e calorie, e quando ho realizzato di averne assunte tipo 1000 in un pasto solo mi è venuta una forte tachicardia. Un attacco d'ansia. Tremavo, dovevo vomitare, e così ho fatto. Non ho vomitato tutto, e forse nemmeno metà, mi sono solo irritata la gola e rigirata lo stomaco sotto sopra. Non ho più digerito. Fino alle 22 mi risaliva il salmone, e ho avuto mal di pancia, aria nello stomaco e malessere generale per tutto il giorno. Di sera ero andata in palestra, ma stavo veramente malissimo, ero pallidissima e non mi reggevo in piedi, così dopo meno di un'ora sono andata via.
E' proprio dopo questi avvenimenti che mi sono chiesta "ma come.. non ero guarita?" e così ho capito che certe cose sono cambiate, come se fossero evolute. Ma di fatto siamo sempre punto e a capo..
O forse mi sbaglio, magari come mi suggerivate è normale avere delle ricadute durante la guarigione.. Però io mi sento più che altro in regressione.. Anche questa cosa di mangiare sempre yoghurt e cose morbide ricorda i bambini piccoli, che bevono solo il latte della madre e poi gli omogenizzati.
Il peso comunque non si smuove, è preciso al grammo. A volerlo fare apposta non ci sarei mai riuscita. Non so nemmeno quando è stato ma l'ultima volta che mi sono pesata ero 52,0. E anche ieri, identico. Però non ero ancora andata in bagno, quindi magari c'è qualche etto in meno, ma non è tanto importante. In realtà non mi importa affatto. Continuo a vestire solo cose larghe, esco quasi sempre in tuta da ginnastica, e non ho ancora capito perchè. 51-52 kg non sono troppi, dopotutto sono alta 1,62.. Ma il pensiero che ero arrivata a 50 mi tormenta, e adesso mi sento di nuovo grassissima, però cerco di non pensarci. Non cerco di dimagrire, mi limito a non guardarmi, a non specchiarmi, a non pesarmi..
Tra l'altro sono gonfia da far schifo per ora, veramente troppo. Sarà per i troppi latticini..
Comunque ho aumentato di molto l'introito calorico e mi dico che se sono riuscita a mantenere il peso mangiando così tanto, significa che se tornassi a mangiare come prima dimagrirei subito.. Questo pensiero mi conforta, mi rassicura. Potrei dimagrire, se solo volessi farlo. Ma al momento non è tra i miei pensieri.
Volevo darmi almeno una materia. Non esserci riuscita mi fa sentire un vero fallimento..
Tra un paio di settimane scende il mio ragazzo, e io non sono proprio pronta...
Beh le cattive notizie per ora sono finite.. Vi stringo forte, tenete duro. Un bacio

sabato 1 febbraio 2014

Cucù

Ciao ragazze!
Sono un po' sparita, perchè mi sono accorta che tornare su blogger non mi ha fatto bene. Io voglio veramente stare bene, e non credo che ci riuscirò restando qui.. Mi mancate un sacco, perciò vi leggo sempre e non voglio sparire proprio del tutto, ma diminuirà di molto la frequenza con cui scrivo dei post..
Come vanno le cose? Beh così così.. Non troppo bene in realtà..
Ho smesso di contare ossessivamente le calorie e sto riuscendo a mangiare e studiare contemporaneamente, ma sto anche ingrassando -.-
Da un lato la cosa mi fa impazzire, mi viene da piangere, mi sento una fallita e cerco di pesarmi il meno possibile. Se vedessi di nuovo il 53, che non mi appartiene da più di 6 mesi, potrei impazzire..
Dall'altro lato, non mi sembra di vedermi più grassa.. non più di quanto mi vedessi prima, comunque.
Il peso più alto che ho rivisto è stato 52,3. Ma il giorno prima mi ero massacrata in palestra e quella mattina non c'era un muscolo che non mi facesse male, anche quelli di cui ignoravo l'esistenza e l'ubicazione. Mi chiedo se sia vero che l'acido lattico si forma dal nulla, aggiungendo peso finto a quello reale..
Sto mangiando veramente un sacco per ora.. Non riesco proprio a fermarmi, mangio troppo e troppo spesso. Faccio attività fisica per cercare di compensare, ma senza lo stress di prima.. Se sono stanca o non ho voglia di fare ginnastica, vado a letto anche se ho la pancia troppo piena di cibo e di sensi di colpa. E l'indomani mattina semplicemente evito di pesarmi, di specchiarmi e di mettere vestiti attillati.
Diciamo che per ora il mio stile è "fai quello che vuoi, ma fallo di nascosto e fingi che non sia successo niente". Mi abbuffo? Vabbè, basta mettere una felpa XL e nessuno noterà nulla, nemmeno io. Non mi faccio foto e non mi specchio attentamente da un sacco di tempo.
Vorrei essere capace di digiunare, di dimagrire, di mangiare poco, di mangiare tante verdure, come facevo prima. Per ora ho la fissa del formaggio, ne mangio davvero troppo..
Ma vorrei anche che mi tornasse il ciclo, è dal 2 dicembre che non mi viene, e anche quello di dicembre assomigliava più a delle semplici perdite più che al ciclo vero e proprio.. Vorrei solo essere serena..
Ho cominciato a mangiare anche tanti legumi, e sono diventata molto regolare (ad andare di corpo), come mi aveva consigliato Raki. Mi sento anche un po' meno gonfia.. Però mi pare anche che lo spazio tra le cosce si sia ridotto..
Boh non so che altro dirvi.. Sto cercando di restare a galla. Va bene mangiare cibo di tutti i tipi, senza proibirmi più niente, ma non va bene neanche abbuffarsi 10 volte al giorno.. Devo ritrovare un equilibrio, ma dev'essere un buon equilibrio, non più come prima..
Mah vedremo, magari vi aggiorno periodicamente.
Tenete duro, vi seguo sempre! Un bacio bellezze <3